Contenitori per olio esausto e batterie e nuovi cestini portarifiuti

PRECISAZIONI PER LA STAMPA
23/07/2020
6500 chilometri in bicicletta per raccogliere la plastica
27/07/2020

Contenitori per olio esausto e batterie e nuovi cestini portarifiuti
Nuove misure a tutela del decoro

Nuova tappa del piano degli interventi dedicati al decoro urbano. Tenendo fede agli impegni assunti ad inizio settimana nel corso di un incontro con il collettivo di associazioni “Ambientalisti in rete”, l’assessorato all’igiene urbana guidato da Paolo Calculli ha disposto l’adozione di provvedimenti che si inseriscono nel già avviato programma di miglioramento della qualità del decoro urbano. In particolare, conferma l’assessore Calculli, si procederà all’installazione di alcuni punti di raccolta per l’olio esausto, nonché alla posa di contenitori per lo smaltimento di pile e batterie usate unitamente all’implementazione dei cestini portarifiuti. <<E’ mia intenzione – commenta Calculli – chiedere la collaborazione dei gestori di locali pubblici ed attività commerciali, affinché riescano a dotarsi di appositi posacenere da esterno e, per quanti avessero già provveduto, ad avere cura di mantenerli funzionale allo scopo. Quanto ai punti di raccolta per l’olio esausto, si troveranno in luoghi protetti, onde evitare sversamenti accidentali e vandalismi. Altrettanto dicasi per i contenitori dedicati alle pile: faremo in modo di posizionarli in prossimità o all’interno dei negozi di articoli elettronici e dei tabacchi>>. Conclude Calculli:<<Inoltre, stiamo provvedendo all’installazione di altri cestini, tutti dotati di ceneriera. Sono azioni che porteremo a compimento nel breve periodo, come concordato con il collettivo degli “Ambientalisti in rete”, il cui impegno è apprezzabile per la disponibilità al dialogo e per le idee ed i suggerimenti hanno avanzato al tavolo del confronto. Andremo avanti su questa strada, nella consapevolezza dell’importanza dell’interlocuzione con la società civile>>.

Gravina in Puglia, 24 Luglio 2020

Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS