DICHIARAZIONE DEL SINDACO

Contratto d’igiene urbana: c’è la data
20/12/2017
Operai in sciopero senza preavviso: stop alla raccolta rifiuti
20/12/2017

«Il consigliere regionale Mario Conca, per provare a distrarre la pubblica opinione dalle polemiche che lo travolgono per aver ingannato i pugliesi, si diverte a creare casi fasulli, gettando fango su persone e istituzioni con messaggi e dichiarazioni, più che farneticanti, squallidi. Aveva promesso di fare dell’Ilva un giardino, di non toccare le spiagge del Salento per fermare il gasdotto, ed ora che il suo Governo invece fa sapere che l’Ilva resta e il Tap non si tocca, prova a sollevare nuovi polveroni.

Di fronte a tante bugie, è doveroso riaffermare le ragioni della verità. E’ falso, ad esempio, che il Comune abbia perso un finanziamento di 1.300.000 euro in materia ambientale: a parte che riesce impossibile capire come faccia Conca a dire che un’eventuale partecipazione del Comune al bando avrebbe prodotto un progetto di quell’importo e non di altro, dimentica, il consigliere regionale, che non c’è Comune in Italia che partecipi ad ogni bando pubblico. E finge di dimenticarlo perché altrimenti dovrebbe ricordare che la mia amministrazione, tra il 2012 ed il 2017, ha intercettato finanziamenti per oltre 15 milioni di euro e che nell’ultimo anno e mezzo ne abbiamo già ottenuti diversi, da quello per la seconda fase della Rigenerazione Urbana a quello per la realizzazione della biblioteca, e che altri stanno per maturare. Omette di dire, Conca, che il finanziamento da quasi 100.000 euro per la rimozione dei rifiuti abbandonati sarà probabilmente recuperato grazie allo stanziamento di risorse aggiuntive annunciato dalla Regione nel cui Consiglio egli siede, percependo al lordo, tra rimborso spese e indennità, un assegno mensile di 10.000 euro. Distrattamente afferma essere a rischio revoca il finanziamento per Santa Sofia, rispetto al quale in realtà il percorso è definito. Nella sua foga, lui che ha sempre condannato le spese per consulenze, incita il Comune non solo ad ingaggiare dei consulenti, ma addirittura a riservare loro un trattamento illegittimo, cioè con riserva di retribuirli ad esito della loro prestazione professionale, una previsione assolutamente vietata dalla legge che Conca, evidentemente, ignora. Bara dichiaratamente, Conca, quando accusa il Comune di non organizzare fiere ed eventi, o di farne solo di fallimentari, ma poi attribuisce ad altri i meriti quando fiere ed eventi, come la recente Festa del Cioccolato, riscuotono successo. Infine, ci sia consentito ricordare all’eccentrico consigliere regionale, che sin qui col suo lavoro non ha prodotto alcun risultato utile per Gravina, che se ritiene che in Comune operi un clan, se convinto di quel che dice, dovrebbe far ben altro che non un semplice post. Altrimenti, recuperando un briciolo di senso del pudore, torni al silenzio: magari, gli sarà utile per riflettere sui suoi errori e sui tanti veleni e falsità che in questi anni ha sparso per la città, fomentando rancori e divisioni».

Gravina in Puglia, 29 Ottobre 2018
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS