“Giornata della memoria 2021”: Gravina ricorda la Shoah

Attivato il canale Telegram del corpo di Polizia Locale
25/01/2021
Deposito scorie nucleari: prorogare i termini per la presentazione delle osservazioni
27/01/2021

“Giornata della memoria 2021”: Gravina ricorda la Shoah
“Se la memoria avesse voce e volti”, lo spettacolo trasmesso in streaming Mercoledì alle 21

Mai dimenticare il passato, per non vivere il presente nell’indifferenza. Mercoledì 27 Gennaio sarà celebrata la “Giornata della memoria”, occasione di riflessione sull’olocausto di ebrei, omosessuali, rom, avversari politici, persone con disabilità e quanti fossero considerati diversi, perpetrato dalla Germania nazista.
Per non lasciare che il tempo cancelli l’orrore dei campi di concentramento e sterminio e le leggi razziali promulgate dai regimi nazifascisti, anche quest’anno l’amministrazione comunale gravinese promuoverà un’iniziativa curata in collaborazione con il Teatro Vida. Uno spettacolo a porte chiuse, a causa dell’emergenza Covid – 19, quello portato sul palcoscenico dalla compagnia “Colpi di scena”, che racconterà con “Se la memoria avesse voce e volti” storie di solidarietà ed amore che germogliano dalle più atroci sofferenze. “Quest’anno – commenta il primo cittadino Alesio Valente – purtroppo non avremo modo di ritrovarci personalmente, stretti nel ricordo della Shoah, ma non per questo mancherà un momento di approfondimento e meditazione sul tema del male e sulla tragedia di milioni di uomini e donne, rinchiusi e uccisi perché ritenuti diversi”.
La pièce verrà trasmessa in streaming alle 21 di Mercoledì, sulla pagina Facebook e sul sito del Comune (all’indirizzo www.comune.gravina.ba.it), oltre che sui canali ufficiali del Teatro Vida. Giovedì 28 invece, la replica in aula virtuale, per gli studenti degli istituti scolastici gravinesi ed altamurani. “Ai più giovani – conclude Valente – voglio rivolgere un appello, quello di non temere la diversità, quello di custodire la libertà altrui come se fosse la nostra. E di non pensare mai che essere spettatori passivi di atti di violenza o prevaricazione possa essere la scelta migliore. Non dobbiamo mai vivere nell’indifferenza”.

Gravina in Puglia, 25 gennaio 2021
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS