Gravina cuore degli scambi culturali Italia-Germania

Avvio anno scolastico: incontro tra dirigenti scolastici ed AC
12/09/2019
Libri di testo: riaperti e fissati al 23 Ottobre i termini per la presentazione delle istanze
17/09/2019

Gravina cuore degli scambi culturali Italia-Germania
I liceali del “Tarantino” incontrano i colleghi del Gymnasium di Landau an der Isar
Insegnanti e studenti delle due scuole ricevuti oggi in Comune dalla vicesindaca Matera

Anno scolastico con apertura vista Europa. La ripresa delle attività didattiche è stata segnata, a Gravina, dall’avvio degli scambi culturali tra i banchi di scuola. Tradizione che si rinnova da ormai dieci anni e che vede protagonisti gli studenti del liceo “Giuseppe Tarantino”, diretto da Berardo Guglielmi, ed i loro coetanei del Gymnasium di Landau an der Isar, il secondo più grande comune del distretto della Bassa Baviera. Un incontro di culture ed esperienze, per approfondire e migliorare la conoscenza della lingua, ma anche per diventare sempre più cittadini del mondo.

Venticinque gli allievi del Ginnasio tedesco arrivati in città sabato scorso, accompagnati dai professori Heidrun Husty e Marlene Bachmeier. Ad attenderli, gli alunni delle seconde classi del “Tarantino”, guidati dai docenti Rosaria Dibattista e Angela Moramarco. I giovani ginnasiali tedeschi, ospiti delle famiglie dei loro compagni di studi italiani, si tratterranno in città fino a sabato prossimo, per visite guidate ed escursioni, tra l’altro, a Matera, Bari, Polignano. Ma al centro della loro attenzione vi saranno la Murgia e in particolare Gravina, apprezzata per la bellezza dei luoghi e le prelibatezze culinarie e di cui sono stati sottolineati i cambiamenti in meglio nell’ultimo decennio. Pensieri e parole espressi nel corso di un incontro svoltosi in mattinata nei saloni del consiglio comunale, dove la comitiva italo-tedesca è stata ricevuta dalla vicesindaca Maria Nicola Matera. «Siamo lieti di avervi qui con noi una volta ancora», ha detto Matera, salutando gli ospiti. «La vostra presenza – ha aggiunto – è il simbolo dell’Europa alla quale aneliamo: non soltanto unità di moneta e regole finanziarie, ma ancor più e soprattutto patria comune fondata sull’inclusione, l’intreccio di culture, occasione di condivisione di esperienze significative e dunque motivo di crescita personale e comunitaria. Sapere che tutto ciò in piccolo si realizzi nella nostra terra è motivo di orgoglio e stimolo ad andare avanti lungo la strada intrapresa». Auspicio salutato da un applauso e da una certezza: gli studenti tedeschi ricambieranno l’ospitalità ricevuta accogliendo i liceali gravinesi nel prossimo mese di Aprile.

In coda, scambio di doni, foto ricordo e arrivederci alla prossima, nell’Europa nuova di cui Gravina vuol essere sempre più protagonista.

Gravina in Puglia, 16 Settembre 2019
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS