La Polizia Municipale festeggia san Sebastiano

Avviso a tutte le Associazioni No – Profit
19/01/2016
Interventi di messa in sicurezza dell’area Torrente Pentecchia. Comunicato rinvio seduta di gara.
21/01/2016

COMUNICATO STAMPA

La Polizia Municipale festeggia san Sebastiano
Il Comandante Visci presenta il bilancio delle attività del 2015
Spiccano i 7.000 verbali elevati per violazioni al codice della strada

I numeri sono anche sostanza. Quelli forniti dal Comandante della Polizia Municipale Amedeo Visci aiutano a comprendere la qualità del lavoro svolto nel corso dell’anno appena trascorso dai Vigili Urbani gravinesi. Con organici ridotti all’osso, eppure in grado di pigiare sul pedale della repressione – con oltre 7.000 verbali elevati per violazioni al codice della strada – senza rinunciare alla prevenzione, come testimonia il potenziamento dell’unità di Protezione Civile, oggi fornita di mezzi all’avanguardia, tra i quali persino un drone.
Sono solo alcuni dati risaltati nel corso delle celebrazioni in onore di san Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani d’Italia. A Gravina i festeggiamenti hanno avuto come sfondo il complesso architettonico dedicato al martire: prima la messa presieduta dal vescovo monsignor Giovanni Ricchiuti con al fianco monsignor Giovanni Bruno, quindi un momento di riflessione, ospitato nell’auditorium. Presenti, al gran completo, i rappresentanti istituzionali: insieme al presidente del consiglio comunale Giacinto Lupoli ed all’assessore Francesco Santomasi – portavoce dell’amministrazione comunale su delega del sindaco Alesio Valente, impegnato fuori sede – anche diversi consiglieri comunali, la segretaria comunale Antonella Tampoia, i vertici cittadini di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Corpo Forestale dello Stato, una delegazione dei Vigili del Fuoco, il mondo delle associazioni e del volontariato, su tutti le divise della Protezione Civile e dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato. «A voi tutti, alle forze dell’ordine – ha detto dall’altare monsignor Ricchiuti – va il ringraziamento per il lavoro svolto, per la vostra dedizione e la sensibilità usata nel rapporto coi cittadini, non sempre osservanti delle leggi». Ha aggiunto il presule: «Siate severi e fermi, ma specie nell’anno della misericordia non vi manchi mai l’umanità: con la vostra autorevolezza siate educatori misericordiosi per chi alla legge non è fedele». Parole poco più tardi rilanciate dal comandante Visci, che in apertura della sua analitica relazione ha voluto ricordare lo scomparso collega Giuseppe Donatiello, al quale è stato riservato un minuto di raccoglimento come ai vigili rimasti uccisi in diverse città italiane nell’espletamento del proprio dovere. A seguire, richiamate le criticità legate «ad un organico che dovrebbe essere di circa 60 unità e che invece può contare solo su 24 tra agenti, sottufficiali ed ufficiali, stante l’impossibilità di procedere ad assunzioni», non mancando di puntualizzare gli aspetti critici del rapporto con l’amministrazione comunale e la macchina burocratica municipale, sono arrivate le critiche all’indirizzo di «politiche governative e scelte legislative discutibili: tutti si ricordano di noi quando c’è da gravarci di lavoro, tutti ci dimenticano quando si tratta di riconoscere la nostra professionalità». Eppure, ha sottolineato Visci, «andiamo avanti, con spirito di sacrificio e abnegazione». Gli stessi che, durante il 2015, hanno consentito di «portare praticamente a compimento una nuova pianificazione delle emergenze e di potenziare ulteriormente la Protezione Civile, che può ora contare, tra l’altro, su un pick up attrezzato di tutto punto e su un drone». Ma a far notizia anche i «7.200 verbali staccati sul fronte della repressione degli illeciti stradali, per un controvalore di 200.000 euro». E poi «le sanzioni inflitte alla società appaltatrice del servizio di raccolta dei rifiuti per inadempimenti contrattuali: in 12 mesi, quasi 100.000 euro». Diversi esempi di un impegno ben più ampio ed articolato, positivamente valutato dall’assessore Santomasi: «Siamo fiduciosi. Gli ostacoli sono tanti, i problemi da affrontare e risolvere anche. Molte le risposte che i cittadini si attendono. Ma ce la faremo, come voi col vostro lavoro quotidiano dimostrate. Insieme, nonostante le difficoltà, riusciremo a fare sempre di più e meglio, per la nostra Gravina».

Gravina in Puglia, 20 gennaio 2016
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS