Le Vie dell’Acqua e del Sacro”: via libera al progetto

Comunicazione di attivazione di una piattaforma digitale sicura per segnalare illeciti e irregolarità (whistleblowing)
27/02/2021
PagoPa: dal 1 Marzo operativa la piattaforma dedicata ai pagamenti
01/03/2021

Le Vie dell’Acqua e del Sacro”: via libera al progetto
Ottenuto finanziamento per il recupero di un’antica cisterna pubblica

Via libera allo studio di fattibilità tecnica ed economica del progetto “Le vie dell’Acqua e del Sacro”.
La giunta comunale, guidata dal sindaco Alesio Valente, tramite atto di indirizzo ha dato luce verde progetto che vede al centro dell’intervento la riqualificazione di una antica cisterna pubblica sotterranea, scavata nella pancia di piazza Notar Domenico. Poco più di 177 mila euro, ottenuti nell’ambito della misura “Progetto di rete: Terra di Bari Guest Card – Rete metropolitana degli attrattori culturali – Le vie dell’acqua e del sacro”, destinatario nel complesso di 730 mila euro, destinati a una triade di Comuni dell’entroterra barese: unitamente a quello di Gravina in Puglia, anche Alberobello ed Acquaviva delle Fonti, quest’ultimo in qualità di capofila.
L’intervento che dovrà concretizzarsi nei prossimi mesi rientra nel più ampio piano di rigenerazione urbana dell’asse monumentale e prevede la piena fruibilità, da parte del pubblico, di un pezzo di storia locale celato ai più: “Una nuova chiave di volta – commenta il primo cittadino Alesio Valente – per restituire uno spazio ricco di suggestioni alla conoscenza di concittadini e visitatori che avranno la possibilità di scoprire un luogo unico, ricco di significato che ci ricongiunge con il nostro passato”. E aggiunge: “La cisterna in questione, ci raccontano le fonti storiche e quelle della tradizione popolare, costituiva una riserva d’acqua preziosa a disposizione della comunità locale sino ai primi anni del ‘900. Un luogo scavato con fatica nella roccia, riscoperto grazie alla collaborazione dell’esperto Michele Parisi, del tutto unico nel suo genere e sul quale si intende puntare proprio perché si vuole evidenziare l’unicum proprio del nostro territorio”.

Gravina in Puglia, 27 Febbraio 2021

Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS