Medici in sciopero della fame: la solidarietà del sindaco Valente Il primo cittadino incontra Francesca Mangiatordi e Francesco Papappicco Sollecitati la ripresa del dialogo e l’intervento di Azienda sanitaria e Regione Puglia

Una voce gravinese alla finale dello Zecchino d’Oro La piccola Angela Lorusso all’Antoniano con “Un giorno a colori” La giovanissima cantante ricevuta in Comune dal sindaco Alesio Valente
04/11/2015
Chiuso il centro di raccolta vetro: interrotta la raccolta Appello alla collaborazione ai cittadini in attesa del ripristino del servizio
05/11/2015

Nel pomeriggio di mercoledì il sindaco Alesio Valente s’è recato all’ospedale della Murgia per incontrare Francesca Mangiatordi e Francesco Papappicco, i due medici che da otto giorni portano avanti uno sciopero della fame agli ingressi del nosocomio murgiano per protestare contro i procedimenti disciplinari aperti dall’Asl a seguito delle segnalazioni da loro formulate, nell’esercizio dei ruoli sindacali ricoperti, in relazione alle presunte, numerose criticità riguardanti sia il servizio 118 sia il presidio ospedaliero. «Ho inteso incontrare personalmente i due medici – spiega il primo cittadino gravinese – per esprimere loro solidarietà. Credo che nella democrazia vadano ricercate le chiavi per la definizione della vicenda: alzare muri è sempre controproducente». Prosegue Valente: «Se da un lato auspico che Mangiatordi e Papappicco, anche a tutela della propria salute, sospendano lo sciopero della fame, dall’altro offro il mio impegno, istituzionale e politico, a costruire ponti per un dialogo tra le parti». Aggiunge il sindaco: «A tal fine, oltre ad aver già informato della vicenda la presidenza del consiglio regionale, invito espressamente l’Asl ed il presidente della Regione Michele Emiliano a favorire la ricerca di soluzioni che permettano una ricomposizione della frattura».

Conclude Valente: «Il nuovo ospedale è stato finalmente aperto anche grazie alle nostre battaglie dopo 20 anni di attese e di ritardi. Per migliorarne sempre più l’efficienza e svilupparne appieno le potenzialità non servono divisioni, ma armonia ed unità d’intenti, nel rispetto della diversità d’opinione e del diritto di critica. Su questo fronte, il nostro impegno non verrà mai meno, per garantire ai cittadini il diritto alla salute». Gravina in Puglia, 5 novembre 2015 Ufficio Stampa Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS