No alle scorie: Comune e Comitato popolare fanno muro insieme

Cnapi: Sabato 26 Giugno Consiglio Comunale congiunto
23/06/2021
 Scorie nucleari? Non in Puglia Comuni, Regione, Parco e movimenti dicono no al deposito unico nazionale La contrarietà formalizzata nel corso di una seduta di consiglio intercomunale
26/06/2021

COMUNICATO STAMPA

No alle scorie: Comune e Comitato popolare fanno muro insieme

 

Definita una strategia unitaria in vista della seduta di consiglio intercomunale

 

Accordo anche sulle proposte del Comitato: saranno inserite nelle Osservazioni tecniche

 

Piena sintonia nel cammino per liberare la Murgia anche dalla solo eventualità di veder sorgere da queste parti il deposito unico nazionale di scorie nucleari.

 

Comune e Comitato di consultazione popolare di Gravina “No scorie” cementano l’unità di intenti nell’azione contro le ipotesi racchiuse nella Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee ad ospitare il centro di raccolta dei rifiuti radioattivi sparsi, ad oggi, in diversi siti italiani. L’occasione per un approfondimento della questione è scaturita da un incontro svoltosi a Palazzo di Città, presenti il sindaco Alesio Valente e l’assessore all’ambiente, Aldo Dibattista. Con loro, in rappresentanza del Comitato, una delegazione composta da Giuseppe Deleonardis, Giuseppe Lapolla, Carlo Loiudice, Onofrio Petrara, Giovanni Marchetti e Raffaella Vignola. Al centro del confronto, in particolare, le modalità organizzative e partecipative della seduta del consiglio intercomunale che Sabato 26 Giugno si svolgerà in Fiera, con la partecipazione delle assemblee consiliari e delle amministrazioni comunali di Gravina, Altamura e Laterza, le tre città pugliesi individuate nella Cnapi come possibili sedi del deposito unico nazionale. Ai lavori istituzionali prenderanno altresì parte il presidente della giunta regionale pugliese, Michele Emiliano, e l’assessora regionale all’ambiente, Anna Grazia Maraschio. In vista dell’evento, il primo cittadino gravinese ha confermato la piena disponibilità a far sì che, d’intesa con i presidenti dei consigli comunali interessati, si concedano tempo e spazio per un intervento ad un referente di ognuno dei comitati popolari attivi nei tre Comuni, oltre che a ricevere ulteriori contributi da parte di esponenti della società civile, sia pur entro determinati limiti compatibili con lo svolgimento dei lavori assembleari. Ugualmente, disco verde, da parte dell’amministrazione comunale gravinese, alla richiesta di condividere l’esito degli approfondimenti svolti dal Comitato popolare gravinese e di presentarne il contenuto in sede di consiglio intercomunale, per poi farlo confluire nel documento delle Osservazioni tecniche predisposto dalla Regione Puglia e dalla Cabina di regia della quale fa parte anche il Comune di Gravina. «Il lavoro sin qui svolto dal Comitato – commenta il sindaco Valente – è encomiabile e va a rafforzare quanto fatto sul piano istituzionale: andremo avanti insieme, come sin qui è sempre stato, nella condivisione di un obiettivo che unisce in maniera granitica l’intera comunità gravinese e la più ampia famiglia murgiana e pugliese: il no alle scorie su territori a vocazione agricola e turistica, peraltro già nel recente passato segnati da ferite ambientali che oggi richiedono non ulteriori attacchi alla bellezza dei luoghi, ma interventi di recupero e salvaguardia, sia in termini di sviluppo sia a tutela della salute pubblica». Soddisfazione, al termine dell’incontro, è stata espressa dai delegati del Comitato, per i quali «è importante ed apprezzabile l’apertura al dialogo manifestata dall’amministrazione comunale: ringraziamo il sindaco per la disponibilità e il lavoro profuso, ma anche per aver fatto sue le nostre proposte, frutto di un proficuo confronto. L’aver rinsaldato l’unità e l’armonia tra le istituzioni e il comitato, espressione delle associazioni di rappresentanza, costituirà di sicuro un valore aggiunto in una battaglia di civiltà che ci vede dalla stessa parte a sostenere le ragioni del territorio».

 

Gravina in Puglia, 25 Giugno 2021

 

Ufficio Stampa

 

Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS