Puglia Partecipa: 16.000 euro al Comune di Gravina in Puglia

Verde pubblico: nasce un gruppo di lavoro
07/01/2020
Giornata della trasparenza: convegno in Comune
09/01/2020

Puglia Partecipa: 16.000 euro al Comune di Gravina in Puglia
Il progetto di partecipazione attiva riconnette i cittadini ai luoghi dimenticati
Il sindaco Valente: «Doveroso rafforzare il concetto di dialogo con le istituzioni»

Sedicimila euro dalla Regione Puglia, cui vanno ad aggiungersi altri 4 mila euro stanziati dal Comune di Gravina, risultato tra gli enti vincitori del bando regionale “Puglia Partecipa”, nell’ambito della legge regionale sulla Partecipazione, che incoraggia e finanzia proposte di coinvolgimento, informazione e formazione della cittadinanza attiva.

“Gravina #connect – Officine Urbane”, questo il titolo del programma di incontri e workshop, si propone di raccogliere idee e sviluppare, mediante un percorso guidato da professionisti ed istituzioni, buone pratiche per migliorare la vivibilità del centro storico e del margine cittadino, seguendo le direttrici della cultura e del turismo, della pianificazione urbanistica, dei diritti e della cittadinanza. Un circuito virtuoso nel quale trovano spazio – in qualità di partners – scout, istituti scolastici, enti, fondazioni ed associazioni da sempre impegnate nella diffusione della cultura della legalità e nella preservazione del patrimonio immateriale locale. «Questo progetto – commenta il primo cittadino Alesio Valente – ci aiuterà ad amplificare la voce dei cittadini. Attraverso la partecipazione ai laboratori si potranno raccogliere spunti, idee, progetti da chi la città la vive quotidianamente a più livelli: dai più piccoli, passando dai giovani, fino ad arrivare ai veri detentori della nostra tradizione, i nostri nonni».

Le “Officine” saranno itineranti e toccheranno luoghi poco conosciuti e quindi scarsamente fruiti della città stessa: «In un territorio ricco di risorse storico-artistiche e naturalistiche – aggiunge l’assessora alle Politiche giovanili Claudia Stimola, delegata a seguire il progetto – riteniamo doveroso rafforzare il concetto di comunità viva ed attiva, custode del patrimonio pubblico. Vogliamo valorizzare e rinsaldare l’identità collettiva, anche recuperando il patrimonio immateriale delle tradizioni e degli antichi mestieri, che andranno a riempire di significato i luoghi che saranno oggetto di rigenerazione».

Gravina in Puglia, 8 Gennaio 2020
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS