Questione silos: le precisazioni della Presidenza del consiglio comunale

Runts: nuove disposizioni per associazioni, onlus e organizzazioni di volontariato
22/04/2021
Questione concorsi: l’Assessore al Personale respinge le critiche di Articolo Uno
27/04/2021

Questione silos: le precisazioni della Presidenza del consiglio comunale

La presidente Digiesi alle minoranze: «Strumentalizzate anche le parole del Prefetto»

«Si strumentalizzano, in maniera ignobile, persino le parole del Prefetto».

Lo dice il presidente del consiglio comunale, Maria Filippa Digiesi, in riferimento all’interpretazione che i gruppi consiliari di minoranza hanno fornito attraverso i media della nota a firma del Prefetto di Bari, richiesta di un intervento sulla scelta di non iscrivere all’ordine del giorno dei lavori del consiglio comunale un punto concernente il progetto di recupero e valorizzazione del silos granario, presentato agli uffici comunali dai privati proprietari dell’immobile. «Erroneamente e con sprezzo del ridicolo – osserva il presidente Digiesi – si ha il coraggio di sostenere che il Prefetto avrebbe sconfessato l’operato dell’Ufficio di Presidenza, che da sempre, sulla questione va sostenendo una posizione chiara, frutto di leggi e regolamenti: la questione non può essere trattata sotto forma di specifico punto da iscriversi all’ordine del giorno, perché la stessa attiene a materia esulante dalle competenze dell’assemblea consiliare. Al contrario, essa può essere trattata come oggetto di specifica interpellanza. Lo ribadivamo pubblicamente anche il 23 Marzo scorso, con un comunicato che è facilmente reperibile online e che ognuno può consultare, per farsi un’idea. Evidentemente, si preferisce ignorare la realtà per mascherare la mancata conoscenza delle norme, con gravi danni per la credibilità delle istituzioni». Precisa il presidente Digiesi: «Nella nota in oggetto il Prefetto richiama il diritto dei consiglieri ad accedere agli atti, mai negato. Inoltre, sottolinea come la tematica possa essere affrontata in sede consiliare secondo quanto previsto dall’articolo 43 del Regolamento, e dunque attraverso interrogazioni e interpellanze. È quello che da sempre l’Ufficio di Presidenza sostiene, nell’esercizio di un diritto mai disconosciuto eppure, sin qui, mai attivato dagli interessati».

Gravina in Puglia, 24 Aprile 2021

Ufficio Stampa

Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS