Questione silos: le precisazioni della Presidenza del consiglio comunale

Nuova ordinanza del sindaco Valente per la tutela degli animali da circo
23/03/2021
Chiusi al pubblico per sanificazione gli uffici comunali di via Buonamassa Riapriranno nella giornata di Lunedì 29 Marzo
24/03/2021

Questione silos: le precisazioni della Presidenza del consiglio comunale

La presidente Digiesi alle minoranze: «Inutile strumentalizzazione»

La scelta di non iscrivere all’ordine del giorno dei lavori del consiglio comunale un punto concernente il progetto di recupero e valorizzazione del silos granario, presentato agli uffici comunali dai privati proprietari dell’immobile, deriva esclusivamente dalla tutela ed applicazione di leggi e regolamenti.

 

Lo dice la Presidente del Consiglio comunale, Maria Filippa Digiesi, rispondendo alle critiche sollevate a mezzo stampa da parte dei gruppi consiliari di opposizione. «Credo che la nostra comunità non abbia bisogno di attacchi che hanno quale unico effetto, e forse anche lo scopo, di delegittimare le istituzioni. Sulla vicenda del silos si è già detto e scritto tanto, interessandone anche la Prefettura». Sulla mancata convocazione di una seduta ad hoc della massima assise consiliare, il punto di vista del Presidente Digiesi è chiaro, confortato anche dal parere della Segreteria generale. «Due sono le questioni sulle quali soffermarsi, in riferimento ad una richiesta peraltro sprovvista di proposta deliberativa, contrariamente a quanto dovrebbe invece essere per ogni punto di cui si richiede l’iscrizione all’odg», sottolinea Digiesi. «La prima – specifica – è relativa alle competenze: si chiede di poter deliberare su un tema che, ai sensi del Testo unico degli enti locali, è di stretta ed esclusiva pertinenza dirigenziale. La seconda problematica investe invece le modalità prescelte per attivare un eventuale discussione: si è presentata una richiesta che presenta i requisiti della mozione, risultando invece sprovvista di quelli postulati per le delibere. Un altro motivo che non consente di accedere alle richieste di parte dei gruppi di opposizione». Segue una considerazione sul carattere politico della vicenda: «Ai gruppi consiliari, a nessuno di essi – sottolinea Digiesi – è precluso di occuparsi, da un punto di vista generale e politico, di affari riguardanti la comunità, anche di quelli non di stretta competenza dell’assemblea. E’ pur sempre possibile, difatti, ottenere informative o comunque avere chiarimenti sugli intendimenti dell’Amministrazione comunale e degli Uffici, ad esempio attraverso l’istituto delle interrogazioni e delle interpellanze».

 

Conclude Digiesi: «Per dare una parvenza di dignità ad un ingiustificato attacco istituzionale e personale, si è scomodato persino Antonio Gramsci ed il suo grido contro gli indifferenti. Lo faccio mio, per dire di non aver mai privilegiato la palude e l’indifferenza, ma di aver scelto, e non da ora, di non prestare ascolto al piagnisteo degli eterni innocenti e di aver scelto di non restare alla finestra a guardare e di parteggiare per il rispetto della legge».

 

Gravina in Puglia, 23 Marzo 2021

Ufficio Stampa

Comune di Gravina in Puglia

 

 

CORONAVIRUS