Scuola Montemurro: appaltati i lavori di consolidamento

Arriva il Natale: controlli intensificati in nome della sicurezza
04/12/2015
ESITO: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE DEL CENTRO VISITE E DELLA RETE SENTIERISTICA NEL BOSCO DIFESA GRANDE
09/12/2015

COMUNICATO STAMPA

Scuola Montemurro: appaltati i lavori di consolidamento
L’’incarico aggiudicato in via provvisoria alla “Uretek Italia srl”
Il sindaco Valente: «Trova concretizzazione un altro impegno assunto con la città»

Ad una svolta la messa in sicurezza della scuola “Don Eustachio Montemurro”. Nei giorni scorsi, infatti, ha avuto luogo l’aggiudicazione dei lavori, al termine della procedura di gara affidati in via provvisoria (con un ribasso del 33% sull’importo a base di gara) alla società veronese “Uretek Italia”, società specializzata nelle soluzioni di consolidamento mediante iniezioni di resine espandenti, con oltre 100.000 interventi eseguiti in Italia e nel mondo. Obiettivo: porre termine alle situazioni di precarietà strutturale interessanti un’ala dell’edificio scolastico, quella ospitante i laboratori, chiusa a seguito di specifica ordinanza sindacale per le lesioni emerse poco tempo dopo il collaudo, negli anni scorsi. «Meraviglia che una scuola tra le più nuove manifesti problemi che istituti più risalenti nel tempo non hanno», spiega il sindaco Alesio Valente, «ma questo non muta la prospettiva: sin dal momento del nostro insediamento ci siamo messi adoperati per appurare le eventuali responsabilità di quanto accaduto ma anche e soprattutto per dare soluzione alla problematica perché sentiamo nostro il disagio patiti da studenti, famiglie ed insegnanti».
A tal fine, dopo aver predisposto la progettazione per il consolidamento del piano di fondazione, il Comune ha investito 165.000 euro. Nelle prossime settimane, «effettuate le verifiche di rito», precisa il responsabile del procedimento, l’ingegner Onofrio Tragni, «si procederà all’aggiudicazione definitiva dei lavori e quindi alla stipula del contratto d’appalto». Subito dopo apriranno i battenti i cantieri. «Perché anche se non ci sono problemi di sicurezza statica», aggiunge Valente, «è comunque necessario recuperare e restituire alla didattica altri spazi da utilizzare».

Gravina in Puglia, 4 dicembre 2015
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS