Usi civici: prorogato di 60 giorni il termine per la regolarizzazione

Nasce la rete delle città dei fischietti A Gravina nei prossimi giorni la firma del gemellaggio Gli oggetti in terracotta da identità di popolo a occasione di sviluppo
21/01/2016
Gravina si prepara alla Giornata della Memoria
23/01/2016

COMUNICATO STAMPA

Usi civici: prorogato di 60 giorni il termine per la regolarizzazione
Uffici a disposizione per chiarimenti e correzioni di errori
Sempre possibili riduzioni, agevolazioni e rateizzazioni

Prorogato di sessanta giorni il termine ultimo per procedere alla regolarizzazione dei rapporti legati ad usi civici e canoni enfiteutici: i sessanta giorni aggiuntivi iniziano a decorrere dalla data di avvenuta di ricezione degli avvisi di pagamento, recapitati a domicilio agli interessati.
La decisione è stata assunta dall’assessore al patrimonio Liborio Dibattista in considerazione della particolare complessità delle relative pratiche. Restano invariate le misure introdotte dal consiglio comunale a sostegno dei gravinesi proprietari di terreni: determinata nella misura del 35% la riduzione da applicare in favore di agricoltori diretti, braccianti, addetti alla zootecnica ed imprenditori agricoli a titolo principale, cittadini residenti. Previsto pure uno sconto del 10% per chi sia in possesso dell’atto di compravendita in cui non sia stata eventualmente riportata l’esistenza del vincolo, con facoltà di cumulare questa riduzione alle altre, fino a un massimo del 40%. Introdotta inoltre la possibilità di affrancare definitivamente i terreni dai censi corrispondendo un importo pari a 20 annualità, godendo delle stesse riduzioni. Contemplata, altresì, la possibilità di procedere al pagamento rateale degli importi richiesti.
Avvertenze: al fine di beneficiare delle riduzioni i soggetti legittimati e richiedenti dovranno dimostrare di essere in regola, almeno per il quinquennio precedente, con il pagamento dei canoni enfiteutici. Maggiori informazioni potranno essere richieste alla società Gestam, affidataria del servizio di riscossione dei canoni, alla quale potranno essere indirizzate istanze di chiarimento o di rettifica o annullamento di atti di pagamento già inoltrati, qualora errati o infondati. A tal riguardo, sarà possibile rivolgersi allo sportello attivato dalla Gestam in Comune, aperto ogni martedì dalle 15.30 alle 18.30.

Gravina in Puglia, 22 gennaio 2016
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS