Vivaio: il finanziamento del Parco non andrà perduto L’assessore al verde Lorusso risponde ai consiglieri di minoranza Al centro del confronto, i fondi stanziati per interventi di miglioramento ambientale

Il sindaco di Gravina all’incontro coi colleghi in Parlamento A Montecitorio il confronto con Governo e Commissioni parlamentari Valente: «Utile ascoltare la voce del territorio: indispensabile per leggi e riforme migliori»
08/11/2016
Scrutatori: si procederà con sorteggio Unanime la decisione di dare spazio a disoccupati e giovani Appuntamento in seduta pubblica lunedì 14 novembre alle 10.30 nei saloni del consiglio
10/11/2016

COMUNICATO STAMPA

Vivaio: il finanziamento del Parco non andrà perduto
L’assessore al verde Lorusso risponde ai consiglieri di minoranza
Al centro del confronto, i fondi stanziati per interventi di miglioramento ambientale

Non un centesimo andrà perduto: il contributo di 75.000 euro stanziato dal Parco dell’Alta Murgia in favore del Comune sarà speso integralmente, già a partire dai prossimi giorni, per gli interventi di miglioramento ambientale da tempo pianificati.
Lo afferma l’assessore al verde, Gino Lorusso, in risposta alle critiche mosse a mezzo stampa dai consiglieri comunali di minoranza Varrese e Petrara, in campo per lamentare il pericolo per il Municipio di dover rinunciare al finanziamento per la presunta inerzia dell’amministrazione comunale. «Siamo davanti a contestazioni che non trovano riscontro nella realtà dei fatti: si parte da un dato reale per giungere a conclusioni completamente errate», ribatte Lorusso, accendendo i riflettori sulle spiegazioni fornite dall’ente Parco in merito alla sorte delle somme in questione. «Il direttore Fabio Modesti ha semplicemente fatto presente che in mancanza di rendicontazione entro fine anno dell’investimento delle somme messe a disposizione del Comune queste sarebbero state revocate. Un dato, però, utilizzato per trarre considerazioni affrettate ed ingannevoli», sottolinea l’assessore, spiegando: «Non perderemo nemmeno un centesimo perchè in questo tempo abbiamo lavorato per superare gli ostacoli esistenti». Nello specifico: «Due i problemi con i quali abbiamo dovuto fare i conti. Il primo riguardava il reperimento nel bilancio comunale di almeno parte dei 75.000 euro, da anticipare prima di ottenerne il rimborso dal Parco, mediante presentazione della rendicontazione. Il secondo concerne invece la selezione della forza lavoro: la Commissione di valutazione, basandosi su una rigida applicazione di requisiti formali, quali la mancata indicazione dell’anno di conseguimento del titolo di studio indicato in domanda, aveva escluso la gran parte degli oltre 280 candidati, promuovendone solo una decina». Situazioni infine superate: «A breve – aggiunge Lorusso – saranno riaperte le selezioni per il personale perchè è nostro intento offrire un’importante opportunità occupazionale, sia pur temporanea, ad una platea quanto più ampia possibile di lavoratori. Intanto abbiamo trovato in bilancio i fondi necessari per le anticipazioni e gli uffici hanno già avviato la fase esecutiva». Questioni tutte, precisa l’assessore, «discusse anche con l’ente Parco ed il suo direttore Fabio Modesti, nel corso di una riunione alla quale insieme a me ha preso parte anche il dirigente del settore ambiente del Comune, Franco Parisi. Insieme abbiamo definito i prossimi passaggi». Di sicuro, il finanziamento resterà nelle casse del Comune: «Siamo pronti a dare inizio alle attività programmate, avvalendoci da subito delle unità di personale disponibili. Partiremo da qui a qualche giorno, per dare attuazione a quanto stabilito: favorire la riproduzione di specie forestali nel vivaio di San Nicola, in collaborazione con l’ente Parco».
Gravina in Puglia, 10 novembre 2016
Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

CORONAVIRUS